genalguacil see open-air museum

Genalguacil cosa vedere negli splendidi giardini del visir

Le cose essenziali da vedere a Genalguacil, questo incredibile villaggio-museo a cielo aperto


In questo articolo troverete informazioni su tutto ciò che dovete vedere a Genalguacil, questo incredibile villaggio-museo all’aperto:

  • Qualche parola su Genalguacil
  • Dove si trova Genalguacil sulla mappa?
  • Cosa vedere a Genalguacil
  • Cosa fare a Genalguacil
  • Prenotazione di un alloggio
  • Alcuni link utili (prenotazioni e visite in Andalusia)
  • Cosa vedere vicino a Genalguacil
  • Proseguire il viaggio in Andalusia


Qualche parola su Genalguacil


Il villaggio bianco di Genalguacil si trova nella provincia di Malaga, per la precisione nella valle del Genal. È una delle città e dei villaggi che compongono la Serranía de Ronda. La città più vicina è Ronda, a 45 km di distanza.


Genalguacil è uno degli unici tre villaggi della provincia di Malaga ad essere entrato a far parte dell’associazione “Pueblos más bonitos de España“. Gli altri due villaggi sono Frigiliana e Parauta. Quest’ultimo è stato appena aggiunto a questa famosa lista, nel dicembre 2023.



Questo villaggio di 400 abitanti è noto come villaggio-museo ed è immerso in un ambiente naturale eccezionale. La valle del Genal e la Sierra Bermeja sono uno dei tesori naturali della provincia di Malaga. Questo villaggio, immerso nella foresta, è un luogo di pura tranquillità.


Genalguacil, il villaggio museo


Genalguacil è una curiosità, è diventato un museo all’aperto abitato.


all’ingresso del villaggio

Tutto è iniziato negli anni ’90, quando il sindaco decise di contrastare lo spopolamento del villaggio organizzando un evento speciale: Los Encuentros del Arte.


Da allora, l’evento si tiene ogni due anni, negli anni pari. Come sempre, e anche per quest’anno 2024, l’evento si terrà nelle prime due settimane di agosto, con una decina di artisti selezionati.


Nota: il villaggio riceve più di 200 progetti da artisti provenienti da una ventina di Paesi diversi. Saranno selezionati circa dieci progetti. Ogni artista selezionato verrà a creare almeno un’opera che sarà esposta in modo permanente nel villaggio.


Opera : La espera

Per questo motivo, negli ultimi trent’anni, il villaggio è diventato un museo abitato. Per le strade del villaggio (sui muri, sulle panchine, sui tetti, sui camini, ecc.) si scoprono dipinti, sculture, tronchi scolpiti, ceramiche, ecc. che si integrano nell’ambiente circostante.


Artisti come Benjamín Ramírez, Carlos Re, Marie-Isabelle Poirier e Patrick Fossey hanno addirittura acquistato una casa qui, o hanno allestito i loro studi per realizzare gran parte del loro lavoro.


L’origine del nome Genalguacil


Nel comune sono stati ritrovati mulini a mano (per i metalli) appartenenti alle culture fenicia ed ellenica, in quello che è conosciuto come il Reales Chicos. In passato esistevano preziose miniere d’oro e d’argento, oggi esaurite.


L’origine del nome attuale è più recente e deriva dall’arabo Genna-Alwacir, che significa Giardini del Visir.



Dove si trova Genalguacil sulla mappa?


Genalguacil è un villaggio bianco nell’entroterra dell’Andalusia, immerso in una splendida cornice naturale.



Ecco la mappa:



Cosa si può vedere a Genalguacil?


  1. Le tipiche stradine del villaggio
  2. La cabina telefonica pubblica
  3. L’antico serbatoio dell’acqua
  4. Il MAC, museo d’arte contemporanea
  5. Il belvedere di Los Poyetes
  6. Il cimitero
  7. La Plaza de la Constitución
  8. La chiesa di San Pedro Martir de Verona
  9. Il nome di una strada… in cerca di ispirazione per questo villaggio

Nota: ci sono quasi 200 opere in questo villaggio-museo, quindi ho deciso di mostrarne una ventina, quelle che mi piacciono di più, quelle che mi parlano. Sono presentate tra i vari luoghi da scoprire in questo villaggio bianco unico.


Opera: El Emigrante

Le tipiche stradine del villaggio


Genalguacil è un villaggio bianco tipicamente andaluso.



L’influenza del periodo di Al-Andalus è visibile nella disposizione delle sue strade strette e tortuose.



È un luogo assolutamente meraviglioso per trascorrere del tempo, perdersi, rilassarsi e sognare. Inoltre, molte strade offrono superbe viste sulla campagna circostante, che sono esse stesse un invito al viaggio.


Note: proprio vicino a questo villaggio, nella riserva naturale di Los Reales, lo svizzero Edmond Boissier aggiunse alla scienza la sua scoperta dell’albero di pinsapo nel 1837. Il pinsapo è il famoso abete spagnolo che esiste fin dalla preistoria. La Junta de Andalucía protegge questi famosi abeti in una serie di parchi nei dintorni.



Opera: “Echando una Escansá”.



Questa è una delle opere che mi sono fermata a guardare per un po’.



La cabina telefonica pubblica


…Ho trovato questa cabina telefonica pubblica, ormai rara, piena di fascino.




Il vecchio serbatoio dell’acqua


Questo è un serbatoio d’acqua – Deposito de agua de M. Gardia del Olmo – con un’estetica molto particolare.



Non è più in uso, ma se date un’occhiata all’interno… troverete questo:



Opera: “Fusión”:



Un’opera di Jaime Becerra, che trovo sublime.



Il MAC, Museo di Arti Contemporanee


Se potete, iniziate la vostra visita al villaggio dal museo. Vi darà alcune chiavi di lettura delle opere esposte nelle strade del paese.

Il museo si chiama Museo d’Arte Contemporanea Fernando Centeno. Prende il nome dal sindaco che 30 anni fa lanciò questa incredibile iniziativa. Il MAC è stato inaugurato nel 2004 in seguito al successo di questa iniziativa. Il museo ospita anche le opere che non possono essere esposte in modo permanente nelle strade.



Informazioni sul MAC :

  • ingresso: 2 euro
  • bambini sotto i 13 anni: gratis
  • aperto al pubblico dal mercoledì alla domenica, dalle 11 alle 14 e dalle 16 alle 19 in inverno.
  • aperto da giovedì a domenica, dalle 11 alle 14 e dalle 16 alle 20 in estate.
  • Agosto: aperto tutti i giorni

Ecco una delle opere di street-art:



Il mirador de los Poyetes


Questo punto di vista, come altri nel villaggio, dà un’idea della dimensione dell’eccezionale ambiente forestale di questa parte dell’Andalusia.



Opera: “Muñeca preña”



Opera: “Estoy hasta el moño de subir cuestas”, una delle più emblematiche del villaggio.



L’opera fa riferimento alle salite e alle discese di questi villaggi bianchi sul fianco della montagna.


Opera: “Mujer Anfora”



L’opera successiva (Raíces), in basso, si trova all’ingresso del villaggio:



Il cimitero


Il cimitero accanto alla chiesa merita una visita.



All’interno del cimitero si trova una stele che commemora le vittime locali del nazismo e della guerra civile.


Il cimitero sottostante è tipico dei villaggi bianchi della regione.




Plaza de la Constitución


Questa splendida piazza si trova di fronte alla chiesa e al cimitero. Il panorama che si gode da questa piazza è assolutamente straordinario, con le sue montagne e i suoi boschi di abeti e querce da sughero.



In questa piazza si trova una suggestiva riproduzione, sulla facciata di una casa, di un’opera di Perez Villaamil y Duguet, risalente al 1849 (collezione del Museo del Prado).



Opera: “Arco del Viento”.




La chiesa di San Pedro Martir a Verona


La chiesa del paese è una vera bellezza. Fu costruita nel 1534. La sua pianta è cambiata da quando la struttura originale fu bruciata durante la ribellione dei Morisco. Questa ribellione, avvenuta in varie parti dell’Andalusia, è nota come Rivolta delle Alpujarras.



La base dell’attuale struttura del campanile è piuttosto sorprendente:



Opera: “Tele-visión”


genalguacil see Street Artworks

Un’opera molto eloquente…. Ho notato che stavamo guardando lo stesso canale televisivo….


genalguacil see museum town

Il nome di una strada… manca l’ispirazione per un villaggio di questo tipo



Qui sotto una vista parziale di un dipinto in argilla in Calle Los Álamos a Genalguacil. La Siesta”, dell’artista Carmen Escalona, ricorda un momento importante della giornata, soprattutto in estate. Proprio accanto si trova un’altra opera dell’artista, “La Vendimia”.



Ferias e fiestas a Genalguacil


La fiera in onore del patrono del paese, San Pedro Mártir de Verona, si tiene il 29 aprile.

Nota: è consuetudine, durante la processione e al passaggio del Santo per le strade, lanciare il riso dai balconi e contemporaneamente far esplodere i fuochi d’artificio!



A giugno, con l’arrivo dell’estate, si festeggia San Juan come in ogni villaggio. Gli abitanti del luogo hanno dato a questa celebrazione un nome molto locale: il primo bagno dell’anno. In questo giorno è consuetudine recarsi sulle rive del fiume Genal.


A novembre c’è la festa delle castagne. È il periodo della raccolta nei boschi intorno al villaggio e il raccolto viene celebrato con un “Tostón de castañas”.


Dove mangiare a Genalguacil?


Prima di tutto, ecco le specialità locali, se volete provarle:

  • gazpacho caldo (nella zona può essere piuttosto freddo)
  • uova strapazzate con aglio e funghi
  • salmorejo de carne
  • salumi (chacinas)

In basso, il bar all’ingresso del villaggio, con una terrazza dall’altra parte della strada per un drink e qualche tapas:



Per un pranzo locale: il ristorante El Refugio


Situato proprio sotto la Plaza de la Constitución. Si possono assaggiare i piatti locali, tra cui il famoso gazpacho caldo. Anche la vista dalla terrazza è superba.


Mercato agroalimentare di Genalguacil


Se visitate il villaggio il primo sabato del mese, potete assistere al mercato agroalimentare di Genalguacil.

Si trova di fronte alla chiesa in Plaza de la Constitución. L’atmosfera è festosa e si possono degustare e acquistare molti prodotti locali.



In conclusione, Genalguacil è l’unico villaggio-museo abitato al mondo che vanta un ambiente naturale eccezionale: la Sierra de Bermeja. Dal 1989 è Parco Naturale Protetto. Una sosta in questo villaggio regalerà a tutti una giornata memorabile.


Cosa vedere e fare nella zona di Genalguacil


Genalguacil è uno dei magnifici villaggi delle province di Cadice e Malaga che circondano Ronda. Eccone tre, tutti annoverati tra i più belli della Spagna.


Setenil de las Bodegas


Setenil de las Bodegas è una tappa obbligata se volete scoprire la sua particolare architettura, con le sue case troglodite.


Setenil de las bodegas calle cuevas del sol 2

Setenil de las Bodegas c’è molto da vedere. Programmate di trascorrere qualche ora in questo villaggio, compresa una pausa pranzo in una grotta.


Grazalema


Grazalema è un delizioso villaggio bianco da non perdere per la sua storia, l’artigianato della lana e le sue tradizioni.


grazalema see narrow street

Grazalema troverete molte cose belle da vedere e passeggiare per le sue stradine è un vero piacere per gli amanti dei villaggi bianchi.


Zahara de la Sierra


Zahara de la Sierra è un magnifico villaggio bianco arroccato su un promontorio roccioso. Si trova vicino a Olvera.


zahara-de-la-sierra-tour-see-visit-view-on-village-from-road

Una visita a Zahara de la Sierra vi lascerà anche dei bellissimi ricordi.


Prenota un’escursione o un’attività nella provincia di Malaga


Di seguito troverete le escursioni e le attività offerte da Málaga.

Potete anche prenotarle online oggi stesso (con cancellazione gratuita):



Prenota un alloggio a Genalguacil


Di seguito troverete tutti gli hotel e gli alloggi disponibili a Olvera, dopo aver selezionato le vostre date:


Booking.com

Alcuni link utili (noleggio auto, altre idee per le visite)


Prenotazioni veloci, semplici ed economiche:






Continua il tuo viaggio in Andalusia


Siviglia


Siviglia, capitale dell’Andalusia, è una città ricca di tesori da scoprire e monumenti da visitare.


visita-sevilla-dias-catedral-puerta-del-perdon
Porta del Perdono – Cattedrale di Siviglia

Qui troverai tutto quello che potrai vedere a Siviglia in 3 giorni. E per chi si fermerà più a lungo troverà anche informazioni sulla Siviglia segreta e sui quartieri di Santa Cruz e Triana.


Cadice


cadix cadiz cathedrale catedral cathedral cattedrale

Visita Cadice, una città dall’incredibile passato e dalla grande bellezza, sulla Costa della Luz.


Malaga


Quando raggiungi la Costa del Sol troverai in questo link cosa vedere a Malaga:


visiter-malaga-art-de-rue-place-juderia-proche-musee-picasso
Arte di strada accanto al Museo Picasso Malaga

Granada


Visita Granada, scopri i quartieri Albaicin e Sacromonte:


sacromonte-in-granada-view-on-alhambra-2

Cordova


E, naturalmente, visita Cordova, la città del califfato, e il quartiere della Juderia.


visiter-cordoue-facade-sculptee-de-la-mosquee-cathedrale

Scoprite altre bellezze dell’Andalusia nelle pagine del blog Andalusia.


Ecco il link per ricevere la nostra newsletter dal blog andaluciamia.com


Ecco gli ultimi articoli sull’Andalusia


Pin It on Pinterest

Shares
Share This
Avete bisogno di altre informazioni?