visit-granada-alhambra-door

Visitare Granada e scoprire i luoghi da non perdere

Visitare Granada, una città incantevole che invita a sognare


Questo articolo sulla visita di Granada è presentato attraverso i seguenti temi:


  • Le origini di Granada
  • I siti del patrimonio mondiale dell’Unesco
  • Dove si trova Granada in Andalusia?
  • Cosa vedere a Granada?
  • La mappa di Granada con i siti menzionati
  • Cosa fare a Granada
  • Trovare alloggio a Granada
  • Alcuni link utili (noleggio auto, altre idee per le visite)

Le origini della città sono interessanti da conoscere prima di visitare Granada


Granada ha origini molto antiche. Il sito fu abitato dagli Iberi e poi dai Romani.

Fu durante il periodo di Al-Andalus che il suo sviluppo e la sua eredità (legado Andalusí) furono più importanti.


Ecco alcuni punti di riferimento di questo periodo per quanto riguarda Granada:


  • Granada, con il nome di Madinat Elvira, era parte integrante dell’emirato e poi del califfato di Cordova.
  • Quando il Califfato di Cordova cadde, divenne la capitale di una taifa. Gli Ziridi, un popolo berbero proveniente dalla Cabilia, fondarono il primo regno di Granada.
  • Gli Ziridi le diedero allora il nome di Madinat Garnata.
  • Nel 1090, Madinat Garnata fu conquistata dagli Almoravidi e integrata nel regno di Al-Andalus. Questo regno fu in seguito governato dagli Almohadi e poi dai Nasridi.
  • Nel 1492, la città fu conquistata e integrata nella corona di Castiglia come regno cattolico.
  • Garnata diventa per ispanicizzazione della parola…Granada

Siti del patrimonio mondiale dell’Unesco da visitare a Granada


A Granada si trovano 3 siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Ognuno di essi merita una visita e un po’ di tempo:


  • Il distretto di Albaicin
  • L’Alhambra e i suoi palazzi
  • I giardini del Generalife (residenza estiva dei re in Al-Andalus)

Dove si trova Granada in Andalusia?


Granada si trova nel cuore dell’Andalusia, ai piedi della Sierra Nevada.



Cosa vedere a Granada?


L’Alhambra


sacromonte-in-granada-view-on-alhambra

L’Alhambra è una tappa obbligata. È il sito turistico più visitato della Spagna.

L’Alhambra fu costruita nel XIII secolo, all’inizio dell’epoca nazarì. Il complesso si estende su una superficie di 140.000 m². L’Alhambra deriva direttamente dall’arabo al-Qalʻatu al-Ḥamrāʼ, cioè “il castello rosso”.


Il sito comprende 4 parti distinte:


  • I palazzi nazarì, i più belli dei quali sono il Palacio de Comares e il Palacio de los Leones. In quest’ultimo si trova il famoso cortile dei leoni con le sue 124 colonne di marmo scolpite tutt’intorno.

alhambra-palacio-de-los-leones

  • L’Alcazaba è la parte più antica, costruita due secoli prima dei palazzi. Ospitava i soldati incaricati della sua difesa. Alcazaba deriva dall’arabo Al-Casbah, che significa cittadella.

visitar-granada-alhambra-alcazaba

  • Palazzo di Carlo V, questo edificio è posteriore alla reconquista.

Palacio Carlos Quinto
Palacio Carlos Quinto

  • Il Generalife, che si trova un po’ più in alto. È l’antica residenza estiva dei re nazarì dal XIV secolo.

visit-granada-alhambra-view-on-generalife

La parola generalife deriva anche dall’arabo “Jennat al Arif” e significa “giardino dell’architetto”. È costituito da una magnifica villa ed è noto soprattutto per i suoi splendidi giardini fioriti con laghetti e fontane.


visiter-grenade-alhambra-jardin-du-generalife

Un’ultima parola sull’Alhambra: il sito è uno dei 21 candidati ad essere riconosciuto come una delle Nuove 7 Meraviglie del Mondo!


Di seguito troverete un link per prenotare una guida per una visita privata di questi magnifici monumenti.


La Cattedrale di Granada


Anche questo monumento merita una visita. Vi sorprenderà con la sua imponenza e i suoi interni bianchi. Anche il suo soffitto è di incredibile bellezza.


visit-granada-cathedral-with-its-ceiling

Questa cattedrale sorge sul sito della grande moschea nazarì. Fu costruita nel XVI secolo e ci vollero quasi 200 anni per realizzarlo!


visiter-grenade-vue-dans-la-cathedrale

Durante la visita si potrà osservare la presenza degli stili rinascimentale, gotico e barocco.


visit-granada-catholics-kings-cathedral

Se volete una visita guidata della cattedrale, ecco il link. Il tour comprende anche la visita guidata della Cappella Reale e i biglietti d’ingresso per entrambi i monumenti.


La cattedrale si trova nella “città cristiana”, nel quartiere Centro-Sagrario.


La Cappella Reale, la Capilla Real


La Cappella Reale è il mausoleo dei re cattolici Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona.


visitar-granada-capilla-real-y-lonja

Dopo la conquista di Granada nel 1492, fu ordinata la costruzione della Cappella Reale, affinché i re potessero riposare lì dopo la loro morte.


Una visita a questa cappella ci permette di vedere


  • una cripta con le tombe dei re cattolici
  • effetti personali dei re
  • un piccolo museo con oggetti d’arte.

La Cappella Reale si trova di fronte alla Madrasa e proprio accanto alla Lonja. Questo magnifico edificio, la Lonja (a sinistra nella foto in alto), è l’antica sede del Banco della Seta di Granada e della Borsa di Commercio.


Piazza Bib-Rambla e il mercato dell’Alcaiceria


Nonostante il nome arabo, questa piazza si trova nel cuore della “città cristiana”.


granada cartel plaza de bib rambla

Si tratta di una grande e bella piazza nella parte più commerciale della città. Un luogo ideale per fare una pausa o bere un drink.


L’Alcaiceria

L’Alcaicería è l’antico bazar di Granada.


visiter-grenade-alcaiceria-ancien-bazar-souk

Durante l’epoca musulmana, questo souk era famoso per il commercio della seta e delle spezie.


visiter-grenade-alcaceiria-le-souk

Questo quartiere, fino ad allora molto ben conservato, fu purtroppo vittima di un incendio nel XIX secolo. Si tratta quindi di una replica di questo quartiere.


visitar-granada-calle-en-la-alcaiceria

Si trova vicino alla piazza Bib-Rambla


Monastero di San Jeronimo


Questo monastero si trova proprio accanto alla cattedrale. È raggiungibile dalla strada “Calle San Jeronimo”.


In questo monastero sarete sorpresi dalla bellezza di :


  • il suo chiostro in stile rinascimentale
  • i numerosi affreschi della chiesa
  • la sua pala d’altare, una delle più belle della Spagna

Palazzo La Madraza


Questo è uno dei miei monumenti preferiti di Granada. Si tratta del Palazzo Madraza, che oggi fa parte dell’Università di Granada.

Fu costruito da Yusuf I nel 1349 (nel 750 AH).

Ma dietro il nome di Palazzo Madraza si nasconde in realtà la Madrasa di Granada. All’epoca si trovava accanto alla Grande Moschea e all’Alcaceria.


Una madrasa era originariamente una scuola ortodossa di istruzione superiore, principalmente per futuri avvocati, amministratori e giudici. Dal punto di vista architettonico, la scuola consisteva in un cortile con le stanze degli insegnanti e un oratorio per la preghiera collettiva.


Cosa ricordare della madrasa di Granada


  • è l’unica madrasa ispanico-musulmana ancora oggi esistente
  • era chiamata anche Yusufiyya e Casa delle Scienze.
  • è stata la prima università pubblica di Al-Andalus
  • insegnava diritto, ma anche medicina e matematica
  • nel 1500, divenne il municipio di Granada
  • Oggi appartiene all’Università di Granada ed è anche sede dell’Accademia Reale di Belle Arti di Nuestra Señora de las Angustias.

Se si guarda la facciata oggi, è impossibile immaginare cosa ci sia dietro.


granada-antigua-madrasa

L’ingresso era originariamente in marmo bianco (è conservato nel museo archeologico della città).


Questa antica madrasa può essere visitata. Da non perdere il soffitto riccamente decorato e la sala dell’oratorio con il suo magnifico mihrab.


visita-granada-mihrab-de-la-madrasa

Un fatto storico degno di nota:


La riconquista terminò nel 1492, ma la madrasa funzionò in modo molto curioso fino al 1500.

In effetti, Boabdil firmò un accordo segreto con i re cattolici nel novembre 1491, mentre era ancora in corso la battaglia per la conquista di Granada. In questo accordo, “Le Capitolazioni“, si stabiliva che la Madrasa avrebbe continuato a funzionare come tale anche dopo la consegna delle chiavi della città ai re cattolici.

Nel 1500, i re cattolici (Ferdinando II) non rispettarono più l’accordo e decisero di farne il municipio di Granada.


La Basilica di San Juan de Dios


La basilica si trova accanto al monastero di San Jeronimo.


visiter-grenade-san-juan-de-dios

Fu completata nel 1759, in stile barocco. E se all’esterno sembra molto sobrio, l’interno è ben diverso. L’interno è infatti “molto trafficato” con :


  • Numerosi dipinti
  • Sculture in legno
  • Organi di grandi dimensioni
  • Un grande altare
  • E infine, con pareti e soffitti ricoperti quasi interamente d’oro

Il Corral del Carbon


Questo è uno dei luoghi che più mi riporta indietro nel tempo, a Granada.

È il Corral del Carbon, l’antico caravanserraglio di Granada, in Calle Mariana Pideno.

Questo antico caravanserraglio risale al XIV secolo, al periodo nazarí. Fu costruito da Yusif I nel 1336.

Ed è l’unico conservato in tutta la Spagna!


grenade-corral-del-carbon-caravanserail la porte d entrée

 L’edificio era originariamente chiamato alfundaq al-yadida e fungeva da :

  • Un luogo di riposo per commercianti e animali
  • Commercio all’ingrosso di cereali
  • Stoccaggio dei cereali

Dopo la Riconquista, il sito fu utilizzato come teatro prima di essere nuovamente trasformato in mercato del carbone… da cui il nome attuale di corral del carbón (cortile del carbone).


Ciò che rende unico questo sito è naturalmente il suo utilizzo e la sua storia. Ma c’è anche la sua magnifica porta d’ingresso. Il cortile è molto semplice, ma la porta d’ingresso è riccamente decorata in stile nazarí.


Plaza de la Romanilla


Questa piazza, vicina alla Bib-Rambla, è una delle più popolari del centro di Granada, con molti ristoranti e terrazze.


plaza-romanilla-granada-place-romanilla-a-grenade

Ho apprezzato il fascino di questa piazza e la scultura che si vede qui con la torre della cattedrale sullo sfondo.


Casa museo di Federico García Lorca – Huerta de San Vicente


Si tratta di una visita molto piacevole alla casa museo di Federico García Lorca. Questa casa è l’antica dimora della famiglia Garcia-Lorca.

Questo museo permette di scoprire molti oggetti personali del più grande poeta andaluso (foto, disegni, dipinti, manoscritti).


In questa casa Gabriel García Lorca scrisse alcune delle sue opere migliori (tra il 1926 e il 19636), tra cui Nozze di sangue (Bodas de Sangre).

L’indirizzo di questa casa-museo, rimasta nella sua struttura originale, si trova qui. Il prezzo del biglietto per la visita è di 3 euro.


Due quartieri storici e molto caratteristici da visitare a Granada


Questi due quartieri belli e autentici completeranno la visita al centro di Granada. Nei link sottostanti potete vedere tutti i monumenti e i luoghi da non perdere.



sacromonte-granada-casa-cueva

Il quartiere di Albaicin, patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questo quartiere ci offre la possibilità di fare un viaggio indietro nel tempo fino ad Al-Andalus.


moorish-door-in-albaicin-granada

Accanto ad esso, attraversando il fiume Darro, si trova anche il Realejo, l’antico quartiere ebraico. Anche questa zona merita una visita con la sua atmosfera da villaggio.


Per finire con gli elementi essenziali di Granada, ecco 2 luoghi dove potrete trovare un po’ di fresco o molta calma.


Il monastero di La Cartuja


Questo monastero non fu quasi mai costruito. La sua costruzione iniziò nel XVI secolo e fu completata nel XIX secolo.

È considerato uno dei più belli della Spagna.


Il suo nome: Real Monasterio de Nuestra Señora de la Asunción de la Cartuja. Ha questo nome perché in origine era abitata da una comunità di monaci certosini (cartuja).

Questo è anche il motivo per cui il monastero era originariamente isolato, fuori dalla città.


Giardino Carmen de los Martires


Sopra il quartiere Realejo e accanto all’Alhambra, si può trovare un po’ di fresco in un bellissimo giardino.


Il giardino Carmen de los Martires offre una passeggiata attraverso tre diversi stili di giardino:

  • Il giardino francese
  • giardino all’inglese con la sua fontana a 3 piani
  • Il patio nazarí con il suo labirinto

E si può anche passeggiare lungo un piccolo lago.


Mappa per visitare Granada con i siti menzionati



Cosa fare a Granada?


Dopo aver visitato Granada, i suoi quartieri e i suoi monumenti, ecco un’ottima idea per rilassarsi in un luogo meraviglioso: prenotate una sosta all’hammam di Granada.


L’hammam si trova non lontano dall’Alhambra.


Quali sono le attività da svolgere a Granada?


Di seguito sono riportate una serie di idee per attività e visite, suddivise per tema. È possibile prenotarli online oggi stesso.

Bonus: tutte le attività possono essere cancellate fino a 24 ore prima della data prevista:



Trova alloggio a Granada


È possibile vedere la disponibilità in tempo reale. Subito dopo, troverete un’idea originale per trascorrere una o più notti in un luogo unico al mondo!


Booking.com

Ecco un’idea per una sistemazione unica se avete deciso di visitare Granada per 2 o più giorni


Questo è il Parador di Granada. Un hotel di lusso situato… nell’Alhambra.

Si trova in un antico convento costruito nel XV secolo. Anche il suo ristorante è molto famoso.

Ecco il link per avere maggiori informazioni, foto e per prenotare: Hotel Parador de Granada


Anche se non alloggiate nel Parador, potete prendere un caffè sulla terrazza. La terrazza si trova nel “Giardino del Paradiso”. Potrete godere di una splendida vista sul quartiere dell’Albaicin e sul Generalife!

Inoltre, non lontano dal parador si trovano gli antichi bagni arabi dell’Alhambra, risalenti all’epoca di Al-Andalus.


grenade-alhambra-bains-arabes-hammam

Alcuni link utili (noleggio auto, altre idee per le visite)


Se avete bisogno di noleggiare un’auto per raggiungere Granada o i suoi dintorni, ecco un link a :

Trovate un’auto a noleggio nel luogo in cui soggiornate.


Se vi trovate in Andalusia nell’ambito di un tour che prevede la visita di diverse città importanti, ecco alcuni link che potrebbero interessarvi:


Alla scoperta della Juderia, il quartiere ebraico di Cordova.


Visitare Malaga a piedi.


Nel link seguente troverete altri bellissimi siti da scoprire, vedi gli articoli del blog sull’Andalusia.


Ecco il link per ricevere la nostra newsletter dal blog andaluciamia.com


Altre foto scattate durante la visita a Granada



Pin It on Pinterest

Shares
Share This
¿Ayuda? Need help ? besoin d'aide ?