visiter-cordoue-facade-sculptee-de-la-mosquee-cathedrale

Visitare Cordoba – Qurtuba, la città dei califfi

Una visita a Cordoba è uno dei punti salienti di un viaggio in Andalusia.


In questo articolo troverete le informazioni essenziali per visitare Cordoba:

  • Un rapido riassunto della storia di Cordoba
  • Siti del patrimonio Unesco
  • Localizzazione della città in Andalusia
  • Cosa vedere e visitare a Cordoba
  • Mappa di Cordova con i siti menzionati
  • Cosa fare a Cordoba
  • Trovare un alloggio
  • Alcuni link utili (noleggio auto, altre idee per le visite)
  • Idee per musei a Cordoba

Breve storia di Cordoba


Cordoba era un’importante città dell’Impero Romano 2200 anni fa. I Romani fondarono la città di Corduba. Il principale lascito di quest’epoca è il ponte romano che si può utilizzare per entrare a Cordova e le colonne dell’antico tempio romano.


visit-cordoba-roman-bridge-with-the-mosque

Alla caduta dell’Impero Romano, il paese passò sotto il dominio dei Visigoti. Quest’ultimo costruì una basilica che fu distrutta quando fu costruita la famosa mezquita, oggi cattedrale.


Tuttavia, Cordoba deve il suo eccezionale patrimonio al periodo che va dal 712 al 1236.


Durante questo periodo, Cordova (che allora si chiamava Qurtuba) fu il centro politico, intellettuale, culturale ed economico di Al-Andalus.

Più precisamente, fu capitale dell’emirato dal 756 e poi del califfato di Al-Andalus nel 929 (Cordova non dipendeva più dal califfo di Baghdad).


Al suo apice (X secolo), era la città più ricca e più grande d’Europa, con 250.000 abitanti. La sua ricchezza rivaleggiava con quella di Baghdad.

A quel tempo, tutta l’Europa era impressionata dai suoi 900 bagni pubblici e dalle sue 70 biblioteche!

La grande biblioteca di Cordova contava 400.000 libri sotto Al-Hakam II (961-976), che acquistò e raccolse numerosi manoscritti di scienza, medicina e filosofia greca e romana.

Per la cronaca, questo califfo ha creato l’Università di Cordoba all’interno della Mezquita. Più della metà della superficie della Mezquita era occupata da centri didattici.


Nel 1009 iniziò la fitna (discordia religiosa e politica) nel califfato. Finirà per essere divisa in numerosi regni/città chiamati taifa. Córdoba fu infine annessa al regno di Siviglia e il suo declino iniziò alla fine dell’XI secolo. I re cattolici si impadronirono della città di Cordova nel 1236. Gran parte della popolazione si trasferì a Granada, che rimase indipendente fino al 1492.


Dove si trova Cordoba in Andalusia?


Córdoba si trova nel centro dell’Andalusia, ai piedi della Sierra Morena. È attraversata dal più grande fiume della Spagna meridionale, il Guadalquivir (il cui nome deriva da Al-Wâdî Al-Kabîr).



Siti del patrimonio mondiale dell’Unesco a Cordova


Sono elencati quattro siti della città:

  • Il quartiere ebraico, la Juderia, noto anche come centro storico di Cordoba (1994)
  • La moschea-cattedrale, la mezquita (1984)
  • Il sito Medina-Azahara, a 8 km dal centro della città (2018)
  • La Festa del Patio di Cordoba (iscritta nella lista del patrimonio immateriale dell’umanità dal 2012)

Cosa vedere e visitare a Cordoba?


La Mezquita


Siamo di fronte, credo, a un monumento unico al mondo per il suo splendore e la sua incredibile storia.


blog andalousie authentique porte mezquita cordoue

La Mezquita fu costruita nel 785 e completata nel 987 sul sito di una basilica visigota. Alcuni resti di quel periodo sono ancora chiaramente visibili.


visita-di-cordova-moschea

All’inizio la basilica era condivisa da cristiani e musulmani, che ne trasformarono una parte in moschea. Poi, con l’evoluzione della popolazione, l’intera basilica fu trasformata nella moschea principale della città, la mezquita Aljama.


La mezquita fu ampliata tre volte fino a raggiungere una superficie di 23.000 m².


Per molto tempo è stata la più grande moschea del mondo dopo la Mecca.

È riconosciuto come uno dei più bei lasciti dell’arte islamica in Spagna e in tutto l’Occidente. Basta una visita per giungere alla stessa conclusione.

Dopo il 1236, con la conquista di Cordova, i cristiani eressero una cattedrale nella Mezquita, che oggi è un incredibile mix di architettura. Per questo è chiamata moschea-cattedrale.


Curiosamente, attraverso un pavimento di vetro nella mezquita, si possono vedere i mosaici dell’antica basilica visigota di San Vicente!

Ancora più antico, prima della basilica c’era un tempio romano dedicato alle divinità. Alcune colonne romane sono state riutilizzate per la basilica e per la mezquita.

La moschea-cattedrale di Córdoba porta oggi il nome ufficiale di Cattedrale di Nostra Signora dell’Assunzione. Tuttavia, anche il nome Mezquita de Córdoba è comunemente usato.


Una visita a questo monumento è d’obbligo in qualsiasi viaggio a Cordova. Rimarrete stupiti dalla sua bellezza e dalla sua storia. Che sia attraverso la “foresta” di 850 colonne della Mezquita:


visit-cordoba-columns-in-mezquita-cordoba

o dal patio de los naranjos, l’antico cortile delle abluzioni.


visita-cordoba-patio-de-los-naranjos

Il viaggio inizia non appena si vedono le facciate esterne e le arcate del cortile…


visit-cordoba-an-entry-to-the-mosque-cathedral

visiter-cordoue-patio-de-los-naranjos

Se volete prenotare una visita a questo monumento (ed evitare anche la coda per il biglietto): qui potete acquistare i biglietti per visitare la moschea-cattedrale.


L’Alcazar de los Reyes Cristianos


visita-cordoba-vista-parcial-del-alcazar-de-lors-reyes-cristianos

Anche questo è un monumento molto importante nella storia di Cordoba.

Alle sue origini, era la residenza dei governatori romani e successivamente degli emiri e dei califfi.

Dopo la Riconquista mantenne una curiosità anche nel nome: Alcazar de los reyes Cristianos…. Avremmo dovuto leggere Castillo de los reyes catolicos! Nonostante il nome, fu costruito quasi un secolo dopo la riconquista, nel 1328. L’antico palazzo califfale fu distrutto durante le battaglie per la riconquista di Cordoba.


visit-cordoba-Castle-of-the-Christian-Monarchs

Questo castello ha avuto in seguito molte “vocazioni”:


  • Residenza dei re cattolici
  • Luogo di negoziazione tra Cristoforo Colombo e Isabella di Castiglia per finanziare il suo viaggio
  • Sede del Sant’Uffizio durante l’Inquisizione
  • Utilizzato come guarnigione da Napoleone I per le sue truppe
  • Prigione dal 1821

Nota: il navigatore Cristoforo Colombo, originario di Genova, visse per diversi anni a Cordoba, dove ebbe un figlio, Diego Colombo.


Il quartiere di San Basilio e i suoi patii


visita-cordoba-posasa-en-barrio-san-basilio

Questo quartiere storico, San Basilio, è noto per due motivi principali.

È stata costruita al di là delle mura della città.

Si trova inoltre vicino all’Alcazar de los Reyes Cristianos. Vi si accede attraverso un arco vicino alle scuderie reali.


visita-cordoba-pasaje-barrio-san-basilio

Ma è conosciuta soprattutto per i 12 giorni che, all’inizio di maggio, celebrano la Fiesta dei Patios. Questo festival è stato inserito nel 2012 nella lista del Patrimonio immateriale dell’umanità dell’UNESCO. Questa è la zona più famosa per vedere i patii.


visit-patio-of-cordoba

I patii di Cordoba – los patios de Cordoba


visiter-patio-de-cordoue

Sono molto famosi e conosciuti in tutto il mondo per gli innumerevoli vasi di fiori che decorano le pareti interne. Questa cultura è stata ereditata dai Romani (vasi di fiori e patio doppio) e dagli Arabi (patio singolo).

Le case con patio erano in origine abitazioni collettive in cui vivevano una o più famiglie.



Queste decorazioni che adornano le pareti con i fiori hanno un’origine sorprendente.

Inizialmente, queste decorazioni erano destinate a nascondere muri, latrine o pozzi deteriorati. In seguito, a seconda della ricchezza degli ornamenti, vennero utilizzati per mostrare agli altri il proprio status sociale.


visita-patio-cordoba

Ogni anno queste case con patio partecipano al Festival del Patio di Córdoba e a concorsi con premi per i patii più belli. Molti turisti scelgono di visitare la città in questo periodo.


visita-patio-di-cordova

Durante la Festa dei Patii di Cordoba si tengono anche numerosi festeggiamenti, tra cui spettacoli di flamenco.


Passeggiando per Córdoba, si incontrano diverse statue che rendono omaggio ai patii della città. Nel quartiere di San Basilio, questa è la scultura sottostante.



Visita ai bagni califfali di Cordoba


Questi bagni arabi sono speciali perché erano riservati esclusivamente ai califfi. Si trovano accanto all’Alcázar dei Re Cristiani, che un tempo era il palazzo dei califfi.


visiter-cordoue-bains-arabes-califaux

Di seguito è riportata una rappresentazione dei bagni dell’epoca, quando i profumi venivano profumati nei patii e si utilizzavano cosmetici a base di olio e polvere aromatica.


visiter-cordoue-representation-des-bains-califaux

È possibile visitare questi bagni califfali. L’ingresso è di 3 euro e permette di vedere le 9 stanze che compongono i bagni (hammam e patii).


visit-cordoba-caliphal-baths

Sono stati scoperti all’inizio del XX secolo. Ma solo all’inizio degli anni Sessanta gli storici sono stati in grado di mostrare questo sito, che fino ad allora era rimasto sepolto.


visita-cordoba-ruina-de-los-banos-califales

I bagni arabi di Santa María


Questi bagni arabi sono visitabili e si trovano accanto alla Cattedrale della Mezquita, in Calle Velasquez Bosco.

Sono stati costruiti dopo la Riconquista e sono in stile mudéjar. Tuttavia, sembra che siano stati costruiti sopra gli hamman che esistevano già durante l’epoca di al-Andalus.


In loco, potrete fermarvi a bere un drink in un patio per godervi l’ambiente.

In questo link troverete un articolo (in spagnolo) sulla storia dei bagni moreschi di Santa Maria.


Visitare le scuderie reali di Cordoba


Cordoba e i cavalli: un’antica storia d’amore.

Sia sotto l’Impero romano che sotto l’Andalus, esistono scritti sulla qualità dei cavalli di Cordova.

Ad esempio, si sa che durante il regno di Al-Hakam II le scuderie di Cordova erano enormi, con 2000 cavalli.


Tuttavia, le “Scuderie Reali di Cordova” furono fondate nel 1570 da Filippo II. È in queste scuderie che è “nata” la famosa razza andalusa PRE (Pura Raza Española).


visita-cordoba-caballerizas-reales

Nota: è possibile assistere a uno spettacolo di cavalli nel cortile delle scuderie reali 4 giorni alla settimana (circa 15€).


Il ponte romano


Il ponte romano di Cordova, che attraversa il Guadalquivir, è un “must” della città.

Curiosamente, è stato l’unico ponte della città per quasi 2000 anni. In realtà, fu costruito alla fine del I secolo a.C.; e il secondo ponte, quello di San Rafael, fu costruito solo nel 1953!

Secondo le ultime ricerche degli storici, questo ponte si trova sulla via Augusta romana. La strada romana che collegava Roma a Cadice!


Alla fine di questo ponte si trova la famosa torre di Calahorra, mentre dall’altra parte ci si trova proprio accanto alla Mezquita.


visiter-cordoue-vue-sur-le-pont-romain-avec-la-mosquee-cathedrale

La vista su Cordoba e sul ponte dalla torre di Calahorra è eccezionale.


Torre Calahorra


visiter-cordoue-tour-de-calahorra

La Torre di Calahorra (da Qal’a horra, “fortezza libera”) è una piccola fortezza costruita sotto Al-Andalus. Fu costruito durante la dinastia Almohade, all’ingresso del ponte romano che conduce al centro della città.

Questa torre è stata successivamente modificata per mantenere il suo ruolo difensivo.


visit-cordoba-calahorra-tower

Il tempio romano di Cordoba


visiter-cordoue-temple-romain

I resti di questo tempio romano si trovano accanto al municipio.

La vista delle colonne romane è piuttosto impressionante. Questo tempio merita una visita.


visita-cordoba-colona-del-templo-romano

 La Plaza de la Corredera


La plaza de la Corredera è la piazza più famosa di Cordoba.


visit-cordoba-corredera-square

Risale al XVII secolo ed è unica in Andalusia. È l’unico esempio di piazza rettangolare con portici in Andalusia. Questa architettura è molto più comune in Castiglia.


visiter-cordoue-place-de-la-corredera

Questa bella piazza ha una storia molto curiosa:

  • un luogo di incontro per il popolo
  • piazza del festival
  • mercato
  • arena per corride
  • luogo di esecuzione dei prigionieri e autodafé durante l’occupazione napoleonica.

Palazzo di Viana


Questo palazzo, aperto al pubblico, è un luogo bellissimo e tranquillo da visitare. Si trova in Plaza de Don Gome.

Durante la visita al palazzo, si attraversano 12 patii e un bellissimo giardino.


visiter-cordoue-palais-de-viana-la-facade

Questi patii hanno influenze romane e arabe.

Nel palazzo è possibile ammirare una collezione di dipinti e arazzi.


Prima di essere venduto a CajaSur nel 1980, il palazzo era di proprietà della marchesa di Viana, Sophie de Lancaster.

È stata responsabile della conservazione di questo splendido palazzo del XIV secolo nel suo stato originale.


VEcco il link per prenotare una visita al palazzo di Viana (il biglietto costa circa 6€).


La Piazza del Puledro (Plaza del Potro)


Questa piazza nel quartiere cristiano della città (che si riferisce alla zona in cui vivevano i cristiani in Al-Andalus) è stata un grande successo.


visiter-codoue-plaza-del-potro

È vero che in superficie non emerge nulla di straordinario dalla piazza. Tuttavia, questa piazza e gli edifici che la circondano hanno una storia incredibilmente ricca. E ho trovato una bellissima atmosfera in questo posto.


Nella piazza si trova l’ex Ospedale della Carità, che oggi ospita il Museo delle Belle Arti e il Museo Julio Romero de Torres.


visit-cordoba-potro-square

Anche la Posada del Potro merita una visita!


Cervantes, il famoso padre di Dulcinea… :), ne fece uno dei suoi luoghi preferiti di Cordova. Egli soggiornò in questa posada e il luogo ispirò lo scrittore per alcune scene delle sue opere.

Una posada è una locanda che accoglieva viaggiatori e mercanti di passaggio. Questa ha la particolarità di essere costruita come le abitazioni popolari del XV secolo. Piccole abitazioni che circondano un cortile con un pozzo al centro.


La posada è oggi utilizzata come centro di flamenco. Ma se avete la possibilità di entrare a vedere il cortile, fatelo!

Infine, il nome della piazza è “Plaza del Foal” in riferimento alla scultura della fontana che ha la forma di un equino. Era anche il luogo principale per il commercio del bestiame!


Il Mulino di Albolafia


Si trova vicino al ponte romano sulla riva destra e merita una visita.

Si può vedere qui sotto (n. 6) la mappa di Cordova nel periodo del Califfato.


visiter-cordoue-plan-de-cordoue-sous-al-andalus

Fu costruito nel IX secolo per portare l’acqua del Guadalquivir al palazzo degli emiri attraverso un acquedotto.

La noria (grande ruota) che si vede avvicinandosi al mulino, utilizzata per prelevare l’acqua dal fiume per alimentare l’acquedotto, è stata restaurata. Tuttavia, quando ci si trova accanto, questa “immagine da cartolina” ci riporta indietro nel tempo.


Di seguito è riportata l’immagine di un altro mulino che si può vedere dal ponte romano. Camminando lungo il fiume, si possono contare 11 mulini, norias, la maggior parte dei quali risalgono al periodo di Al-Andalus. Questi mulini venivano utilizzati per l’irrigazione, la macinazione e per fornire acqua agli hammam, ai bagni pubblici e ai giardini.


visiter-cordoue-moulin-sur-le-guadalquivir

Il vicolo delle sciarpe (Calleja del Pañuelo)


Quando si visita Córdoba, ecco un vicolo da scoprire!

Ero così affascinato dal luogo…. che mi sono dimenticato di scattare delle foto. Peccato, ci tornerò!


Ecco come trovare questo vicolo, la sua storia e la sua leggenda:

La Calleja del Pañuelo può essere imboccata da Plaza de la Concha (vicino alla Mezquita). Il suo nome ufficiale è Calle Pedro Jimenez (come la vite).

Ma questo vicolo in stile moresco ha questo soprannome perché si dice che la sua larghezza sia pari alla lunghezza della sciarpa di una donna!


Un’altra particolarità di questo vicolo è che si trova una delle piazze più piccole del mondo: Plaza de los Rincones de Oro.

Non bisogna andarci troppe volte, misura 15m²…


Questa è decorata con una fontana di origine araba e un albero di arance. Il momento migliore per visitarla è la primavera, quando il meraviglioso profumo dei fiori di azahar si diffonde sulla piazza.

Il nome di questa piazza deriva da una leggenda: si dice che qui un commerciante arabo vendesse le migliori sete di tutto il califfato, così belle da essere paragonate all’oro.


Visita alla Juderia, il quartiere ebraico di Cordoba


Questo quartiere è una piccola meraviglia con molti tesori.

È circondato dalle antiche mura della Medina, in via Kerouan. Al quartiere ebraico si accede dalla porta Bad Al-Yawz, oggi chiamata Puerta de Almodovar. È l’unica delle 9 porte d’ingresso alla medina e al quartiere ebraico rimasta di quell’epoca.


cordoue-la-porte-d-almodovar-une-entree-du-quartier-juif

Nel seguente link troverete tutto ciò che dovete vedere nella parte più autentica di Cordova.


È possibile visitare l’unica sinagoga del periodo al-Andalus rimasta in Andalusia: visita il quartiere ebraico di Cordoba.


Cosa fare a Cordoba?


Di seguito troverete una serie di idee per attività e visite, classificate per tema. È possibile prenotarli online oggi stesso.


La cosa interessante è che tutte le attività possono essere cancellate fino a 24 ore prima della data prevista:



Ecco un’idea: andate all’hammam, nel centro della città, per rilassarvi alla fine della giornata.


visiter-cordoue-entree-du-hammam

Un meraviglioso momento di relax in prospettiva!


Qui potete trovare il link per prenotare un biglietto per l’hammam Al-Andalus di Cordoba.


Trova alloggio a Cordoba


Consultate le offerte per un soggiorno di una o più notti nel centro storico di Cordova.


Booking.com

Cosa vedere e visitare nei dintorni di Cordoba: Madinat al-Zahra (Medina Azahara)


Madinat al-Zahra si trova a 8 km da Córdoba ed è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 2012.

Fu costruito dal califfo omayyade Abd-ar-Rahman III (912-961).


visit-cordoba-Madinat_al-Zahra-in-Cordoba

La sua costruzione aveva lo scopo di mostrare al mondo lo splendore e la ricchezza del Califfato di Cordova. Soprattutto, era un’occasione per significare la rottura e l’indipendenza dal Califfato di Baghdad.

Questa città palaziale è stata costruita con enormi quantità di marmo, oro e pietre preziose. Le rovine lasciano intendere un sito unico e il suo passato splendore.


Nel 1009, quando il Califfato di Cordova iniziò a disgregarsi, questa città-palazzo fu distrutta. È stato dimenticato per quasi 1.000 anni, fino a quando è stato scoperto all’inizio del XX secolo!


visiter-Medina-alZahra-a-Cordoue

Ecco il link per prenotare una visita alla Medina Azahara da Cordoba (con autobus e guida).


In fondo a questa pagina, riporto la storia di un uomo nato a Madinat al-Zahra. È Abulcasis. Quello che ha fatto, credo, è la migliore rappresentazione di ciò che Qurtuba avrebbe potuto essere per il mondo 1000 anni fa…


Alcuni link utili (noleggio auto, idee per le visite)


Ecco un link molto utile per i vostri viaggi: trovare un’auto a noleggio dal vostro luogo di soggiorno.


Se vi trovate in Andalusia nell’ambito di un tour che prevede la visita di diverse città importanti, ecco alcuni link che potrebbero interessarvi:




  • Se passate per il centro geografico dell’Andalusia, potete visitare la bellissima Antequera, con l’incredibile sito naturale di El Torcal proprio accanto.

Scoprite altre bellezze dell’Andalusia nelle pagine del blog Andalusia.


Ecco il link per ricevere la nostra newsletter dal blog andaluciamia.com


E infine alcuni musei da visitare a Cordoba in base ai vostri gusti


Se avete più tempo da dedicare alla visita di Cordoba, ecco un elenco di musei che potrebbero interessarvi:


  • Il Museo Archeologico, che ospita una bella collezione di reperti romani.

  • Il Museo di Belle Arti: qui si trova una collezione di arte moderna spagnola e una di arte barocca.

Questo museo è relativamente antico, risale al 1862. Inoltre, presenta una bella facciata con effetto trompe l’oeil dal patio.


visita-cordoba-fachada-museo-bellas-artes

L’edificio ha un bellissimo soffitto in legno intagliato. All’interno si possono ammirare opere di Zurbarán, Murillo e altri pittori, oltre allo scultore cordovano Mateo Inurria. All’ingresso del museo c’è un bellissimo patio pieno di aranci.


  • Il museo e il giardino etnobotanico

  • Il Museo Julio Romero de Torrez, che ospita una collezione del famoso pittore locale, si trova accanto al Museo delle Belle Arti.

visita-cordoba-museo-Julio-Romero-de-Torrez-obra-Recuerdo-de-Africa-novia-sefardi
Recuerdo de Africa – Novia sefardi –

visita-cordoba-museo-Julio-Romero-de-Torrez-obra-Colon-saliendo-de-la-mezquita
Cristobal Colón saliendo de la mezquita

  • La Galleria dell’Inquisizione: ripercorre la storia dell’Inquisizione e permette di vedere gli strumenti di tortura di questo periodo oscuro…

La storia di Abulcasis, un medico di genio!

Mi sto allontanando dall’argomento della visita a Cordoba, ma la sua storia è grande come lo era Qurtuba 10 secoli fa.

Abu Al-Qasim (Abulcasis), nato nel 940, è considerato il più grande chirurgo del Medioevo e il padre della chirurgia moderna.


Va detto che 3 miliardi di persone nel 2022 non hanno accesso a tutte le cure di cui godevano i Cordobani 1000 anni fa. È assolutamente sconcertante, al punto da essere difficile da credere.


Albulcasis è stato il primo a :
  • eliminare i calcoli renali,
  • rimuovere per via vaginale i calcoli urinari
  • concepire la legatura dei vasi sanguigni
  • reimpianto di un dente.
  • introdurre l’uso del forcipe per i parti complicati
  • inventare un dispositivo chirurgico per operazioni di cataratta
  • utilizzo del filo di seta per le suture
  • identificare l’emofilia,
  • eliminare le vene varicose.
  • descrivere il metodo Kocher per il trattamento delle spalle lussate
  • descrivere la posizione “Walcher” in ostetricia
  • descrivere la gravidanza ectopica e le sue conseguenze fatali (in 963).
  • incidere la trachea, un’operazione che eseguì su uno dei suoi servitori
  • eseguire legature arteriose per arrestare l’emorragia
  • suturare le ferite dall’interno in modo che non lascino tracce visibili
  • identificare la gravidanza addominale e la principale causa di paralisi
  • trattare fistole, riparazioni di ernie, amputazioni e persino trepanazioni,
  • eseguire interventi chirurgici sul gozzo
  • resezione di aneurismi degli arti.
  • Assicurare l’emostasi mediante compressione digitale e cauterizzazione con ferro caldo.
  • Eseguire patellectomie sulla rotula
  • utilizzare la classica posizione di Trendelenburg, soprattutto negli interventi sul bacino piccolo
  • realizzare strumenti sofisticati in stomatologia per la pulizia dei denti e l’estrazione dei denti cariati
  • la realizzazione di protesi dentarie a partire da ossa di bue.
  • intervenire su anomalie del pene e dello scroto
  • utilizzo di varie preparazioni di oppio, hashish, mandragora e giusquiamo per l’anestesia generale

Tutte le sue ricerche e le sue pratiche sono riportate in “Al-Tasrif liman Aegiza an al-Ta’lif” – La Pratica

È un’enciclopedia di 1500 pagine. Nel suo libro si parla anche dei 200 strumenti chirurgici da lui progettati (bisturi, forbici, sonde, stili, cateteri, seghe, stecche, otoscopi…).


Ciò che ha permesso ad Abulcasis di essere all’origine di tante innovazioni mediche sui suoi coetanei è che si esercitava su persone morte praticando la dissezione. Fu il primo a farlo, anche se la dissezione del corpo umano non è mai stata vietata nelle tre religioni abramitiche.


Visitare Cordoba è anche un invito a fermarsi nelle stradine o davanti a certe statue per farsi un’idea della città.


visiter-cordoue-statue-de-averroes
le célèbre philisophe Averroes

vista-cordoba-calle-tipica-en-el-centro

visiter-cordoue-vestige-sur-la-facade-de-la-mezquita-cathedrale

visiter-cordoue-rue-typique-centre-ville-avec-arcade

visit-cordoba-street-in-the-historic-center

visit-cordoba-on-the-facade-of-the-mosque-mezquita


visit-cordoba-tipical-street

Pin It on Pinterest

Shares
Share This
¿Ayuda? Need help ? besoin d'aide ?